Luisa Castellani


Considerata da Luciano Berio come colei che ha saputo raccogliere, anche se con caratteristiche vocali diverse, l’eredità di Cathy Berberian, citata tra le prime 7 cantanti del mondo e con recensioni in 18 lingue diverse, Luisa Castellani è un’interprete e un’insegnante nota per l’estrema duttilità della sua tecnica vocale, per il gusto per l’approfondimento musicale, per le sue qualità di performer, particolarmente nel repertorio contemporaneo e, nella didattica, per l’attenzione allo sviluppo dell’unicità delle caratteristiche vocali di ogni suo allievo.

Ha studiato all’Università e al Conservatorio di Torino, dove si è diplomata nel 1982, si è formata sul repertorio tradizionale con Gina Cigna, su quello contemporaneo con Dorothy Dorow, su quello liederistico con Elisabeth Schwarzkopf e Anton Dermota e su quello barocco con Paul Esswood. Ha ricevuto, nel 1991 il premio Gino Tani per la lirica.

Come concertista, è stata invitata dai più importanti festival internazionali nelle sale e nei teatri più prestigiosi del mondo, ha interpretato ruoli operistici, anche scritti per lei e registrato moltissime composizioni, tra cui molte prime assolute, spesso pensate per la sua voce, a lei dedicate e da lei approfondite con gli autori. Particolarmente significativa la collaborazione con Berio, che ha scritto per lei il ruolo di Ada nell’opera “Outis”, andata in scena alla Scala nel 1996 e la nuova versione del suo “Calmo” e che l’ha scelta per interpretare “Sequenza III” e “Folk Songs”.

Solista con le più note orchestre dei teatri e delle radio e televisioni di tutto il mondo, ha collaborato con grandi solisti ed ensemble musicali e con direttori di fama internazionale. Convinta della necessità di ampliare il rituale del concerto tradizionale, ha proposto e interpretato anche concerti spettacolo a voce sola e con altri solisti su percorsi di ricerca musicale inusuali e stimolanti.

Invitata da Giorgio Bernasconi al Conservatorio della Svizzera Italiana nel 2001, convinta dell’importanza fondamentale della ricerca, si dedica con passione all’insegnamento e tiene anche corsi a Ginevra, Losanna e Neuchâtel. Come relatrice e didatta ha tenuto master class e conferenze in tutto il mondo, è stata responsabile dei corsi di vocalità contemporanea per la Comunità Europea in Emilia Romagna e ha partecipato ai lavori dell’AEC (Associazione Europea dei Conservatori) per la definizione degli standard internazionali dell’insegnamento (Convenzione di Bologna).

Nel 2010, con l’approvazione della lista di esperti della AEC da parte della tedesca Quality Assurance Agency ZEvA, è stata membro della commissione internazionale per l’accreditamento, per i corsi di canto, dell’Università di Musica di Karlsruhe. È spesso invitata come esperto esterno agli esami nei conservatori e nelle giurie di concorsi internazionali. Molti suoi allievi ora sono concertisti, cantanti d’opera o insegnanti. In particolare Barbara Zanichelli è ora anche sua assistente al CSI.

Ha inciso più di 40 LP e CD per le più importanti case discografiche tra cui Teldec e Deutsche Grammophon. Si segnalano in particolare l’integrale dei Lieder di Mozart, il monografico sulle cantate di Telemann, il “Pierrot Lunaire” di Schoenberg con Sinopoli, “Sequenza III” di Berio e la “sinfonia n.3” di Gorecki. Potete trovare informazioni più dettagliate su partners e luoghi, la discografia, esempi audio e video, sul suo sito web.

Ticino Musica 2017 © Casella Postale 722, CH-6903 Lugano, Switzerland | Tel. +41 91 9800972 | Fax +41 91 980 0971 | ticinomusica@bluewin.ch