Conferenza stampa 26.05.2015 – Comunicato stampa

Comunicato Stampa

Ticino Musica International Classic

19 luglio – 1 agosto 2015

Lugano, 26 maggio 2015 – TICINO MUSICA, festival internazionale nella cui particolare, forse unica formula si coniugano masterclass, concerti, seminari, opera lirica e laboratorio di musica contemporanea, tornerà nella seconda metà del mese di luglio a far risuonare i luoghi del Cantone Ticino delle sue note di musica classica, nonché dell’entusiasmo dei giovani musicisti che da tutto il mondo giungono per parteciparvi.

TICINO MUSICA giunge quest’anno alla sua diciannovesima edizione nel solco di una tradizione che, come ogni anno, al tempo stesso si rinnova e si mantiene fedele a se stessa, in un percorso che registra una progressiva crescita.

Come da tradizione, per l’appunto, aprirà le danze, la sera del 19 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio, la prima dell’Opera Studio internazionale “Silvio Varviso”, che, dopo il successo del Don Giovanni, propone quest’anno un altro sommo capolavoro di W. A. Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte: Le Nozze di Figaro.
Il doppio cast di cantanti – selezionato in seguito ad audizioni che hanno registrato oltre 270 iscrizioni – e l’orchestra – composta da allievi del Conservatorio della Svizzera italiana selezionati tramite audizioni – saranno guidati dall’immancabile Umberto Finazzi (direttore musicale) e dal nuovo, attesissimo “acquisto”di Ticino Musica, Marco Gandini (regia), già allievo e assistente del grande Franco Zefirelli e ora docente all’Accademia della Scala di Milano. Alla scenografia e costumi, Claudio Cinelli. 5 successive recite si terranno nella settimana dal 20 al 26 luglio ad Ascona, Bellinzona, Biasca e Sorengo.

L’elenco dei docenti delle masterclass vede gradite conferme, così come grandi e stimolanti novità. Tornano gli apprezzatissimi Homero Francesch (pianoforte), Stefano Molardi (organo), Marco Rizzi (violino), Hariolf Schlichtig (viola), Johannes Goritzki (violoncello), János Bálint (flauto), Ingo Goritzki (oboe), Frøydis Ree Wekre (corno), Lorenzo Micheli (chitarra), Rex Martin (tuba), Ulrich Koella (musica da camera con pianoforte), Gabor Meszaros (fagotto), Philippe Cuper (clarinetto), Judith Liber (arpa). Le novità prendono il nome di Edith Matis (canto), Ian Bousfield (trombone), Eric Aubier (tromba) ed Enrico Fagone con cui si inaugura il corso di contrabbasso, a completare la famiglia degli archi.

Il laboratorio di musica contemporanea, riproposto per la seconda volta dopo il successo dello scorso anno, sua edizione di “battesimo”, sarà nuovamente coordinato dal compositore svizzero Mathias Steinauer, affiancato quest’anno nel corso di composizione dal noto compositore tedesco Johannes Schöllhorn, da Arturo Tamayo per il corso di direzione e Luisa Castellani, novità di quest’anno, che seguirà la parte della vocalità contemporanea. I compositori svizzeri, che saranno protagonisti di altrettanti seminari, sono Philip Hefti, Rudolf Kelterborn, Kasper Ewald, Erik Ona e Jürg Frey. Il lavoro dei giovani direttori, che potranno lavorare con un ensemble selezionato tra gli allievi del Conservatorio della Svizzera italiana, sarà incentrato su due brani chiave del repertorio contemporaneo: Pierrot Lunaire di Arnold Schönberg e Zeitmasze di Karlheinz Stockhausen.

Il fatto che tutti i corsi si svolgano contemporaneamente e nel medesimo luogo (il Conservatorio della Svizzera italiana) dà la possibilità agli allievi dei corsi di lavorare, oltre che a livello individuale con i rispettivi insegnanti, a livello cameristico e di ensemble con altri studenti e docenti. Questo particolare aspetto fa di TICINO MUSICA un fecondo luogo di confronto e scambio artistico e umano.

Il cartellone dei concerti, che si compone di più di 50 eventi, a sua volta si rinnova pur rimanendo in linea con una tradizione che dà ampio spazio all’opera lirica come ai concerti dei docenti e dei partecipanti alle masterclass. Come ormai di consueto TICINO MUSICA sceglie inoltre di ospitare i premiati di importanti concorsi internazionali.

La sera del 20 luglio il Festival inaugurerà la serie dei recital dell’Aula Magna con il fagotto di Rie Koyama, premiata del Concorso ARD di Monaco di Baviera 2013. Il 26 luglio sarà invece la volta dell’oboista svizzero Marc Lachat, premiato del Concorso “Primavera di Praga” 2014.

Seguiranno poi i recital solistici di János Bálint, Hariolf Schlichtig, Marco Rizzi, Johannes Goritzki, Enrico Fagone, Stefano Molardi (Chiesa di San Siro, Canobbio) e Lorenzo Micheli (Chiesa di Santa Maria degli Angeli). Tra i concerti cameristici, soprano, tromba e organo in trio alla Chiesa di San Nicolao della Flüe (Besso), recital di ottoni nell’Aula Magna del Conservatorio con tromba, trombone, tuba e pianoforte, nonché un ricco concerto, nel medesimo luogo, con flauto, oboe, clarinetto, fagotto, corno e pianoforte.

Giovedì 23 e venerdì 24, nei locali del Conservatorio della Svizzera italiana (via Soldino 9, Lugano), si terrà una esposizione di strumenti e materiale musicale, aperta a tutti, della ditta internazionale YAMAHA.

Mercoledì 29 luglio Rovio ospita come ormai tradizione la openclass che quest’anno vede come protagonista il corso di viola del maestro Hariolf Schlichtig. Un’occasione per vedere da vicino il lavoro giornaliero dei partecipanti e di ascoltarne il risultato la sera al concerto.

Come ogni anno TICINO MUSICA ospita un ensemble emergente, il quale durante tutta la durata del festival ha la possibilità non soltanto di esibirsi in vari concerti, ma anche di studiare con i docenti delle masterclass, compiendo così attraverso TICINO MUSICA un’esperienza formativa a 360°. L’Abel-Quartett è l’ensemble in residence dell’edizione 2015. 1° premo al Concorso Haydn di Vienna e 2° premio ai concorso di Lione e Monaco di Baviera, il quartetto terrà concerti all’Hotel Bellevue au Lac (24 luglio) e nella suggestiva Chiesa di San Bernardo al Curzutt (26 luglio).

TICINO MUSICA è anche un’occasione per scoprire o riscoprire i luoghi del Ticino. La diciannovesima edizione del festival porta la sua musica e il suo entusiasmo, oltre che nei luoghi ormai “affezionati”, in alcuni siti “inediti” quali il Chiosetto di Sorengo, la piazza di Paradiso, Mendrisio con la Chiesa di San Sisino e il Chiostro dei Serviti. Dopo anni, TICINO MUSICA torna a Bellinzona portando, lunedì 20 luglio al Castello di Montebello, le Nozze di Figaro.

Il cartellone – ricco di eventi quotidiani, come, oltre ai concerti segnalati, i “Concerti pomeridiani dell’Aula magna”, preziosa opportunità di esibizione per gli studenti iscritti ai corsi – si concluderà la mattina del 1 agosto con l’appuntamento “Addio TICINO MUSICA 2015 e arrivederci a TICINO MUSICA 2016!”.

L’eccezionale partecipazione (numerica e qualitativa) alle recenti audizioni per l’Opera Studio internazionale “Silvio Varviso” (più di 270 presenze tra cantanti lirici e strumentisti) ha rappresentato una forte, ulteriore testimonianza di come TICINO MUSICA e lo stesso Cantone Ticino come luogo di formazione, di scambio e di alta esperienza artistica, siano sempre più un punto di riferimento, un “faro” per giovani musicisti che si avviano alla professione.

Per sostenere Ticino Musica è possibile aderire al Circolo Amici, i cui membri quest’anno avranno come sempre entrata gratuita a tutti i concerti e all’opera lirica.

Il programma dettagliato dei concerti e le relative informazioni possono essere consultati sul sito www.ticinomusica.com.

Per tutti gli interessati, si ricorda che le iscrizioni alle masterclass sono aperte fino al 15 giugno. Dopo la scadenza, vengono accettate iscrizioni solo se vi saranno ancora posti disponibili. I biglietti per i concerti e l’opera lirica di Ticino Musica 2015 si potranno acquistare in prevendita su ticinonline biglietteria.ch http://www.tio.ch/a_biglietteria/welcome.asp.

 

Questo articolo è stato pubblicato sotto News. Aggiungi ai segnalibri.

Ticino Musica 2017 © Casella Postale 722, CH-6903 Lugano, Switzerland | Tel. +41 91 9800972 | Fax +41 91 980 0971 | ticinomusica@bluewin.ch